Follow:
9 mesi e poi, baby

Appunti di mamma – due mesi di svezzamento

 

Vorrei creare dei post in totale simcerità,che possano sembrare chiacchere tra mamme,come se fossimo insieme al parco e vi stessi raccontando la mia esperienza.

Sono passati due mesi da quando ho iniziato a proporre a Camilla frutta e pappe in aggiunta al latte materno.In questo post parlerò al singolare,come tantissime mamme all’ora dei pasti il papà è al lavoro,rendo molto partecipe Mr.Lovis,mi piace confrontarmi con lui per scegliere cosa dare o non dare a Camilla,lo ringrazio spesso per avermi dato carta bianca e per non darmi 1000 indicazioni..che renderebbero questo percorso stressante.

Il mio motto è “se devo fare una cosa: devo farla bene!quando è nata Camilla mi sono fatta una promessa,dedicarle al 100% i mesi a casa dal lavoro..in realtà l’ho detto in altri termini..”Voglio farmi un gran mazzo!”

ho raccolto un pò di appunti che spero possano esservi d’aiuto

P di pediatra

Abbiamo iniziato con la frutta,una volta al giorno alle 16:00 dopo due settimane avevamo la visita di controllo dal pediatra,ci ha subito cazziato..”mai iniziare dalla frutta!!tropo dolce..dopo non vorrà nient’altro”classico terrorismo,che poi una cosa che non ho mai capito è perchè ogni pediatra dice la sua,impossibile trovarne due che dicono la stessa cosa.Abbiamo avuto il foglio prestampato,un vadevecum di cosa fare,abbiamo ascoltato le sue indicazioni,e in ascensore ci siamo guardati e detti “facciamo di testa nostra seguendo le indicazioni di Verdiana Ramina e dell’OMS).Ogni genitore è libero di fare quello che sente e crede,ma penso che sia giusto anche ascoltare altri specialisti,leggere libri e non affidarsi ad un foglio che esite da non so quanti anni.

F di farina

Abbiamo iniziato dalle farine,a rotazione riso,mais e tapioca,farro,cereali,avena.Ho scritto a rotazione perchè per stare attenta ad eventuali reazioni allergiche ho cambiato farina ogni 3 giorni.All’inizio vi confido di essere andata in tilt.E’ stato utile appunarmi su un quadernino i vari pasti,anche perchè la cacca (è giusto parlare anche si quella) cambierà forma e non tutti i bambini la fanno regolarmente.Per quanto riguarda il glutine mi sono confrontata con Verdiana e secondo l’OMS non a meno che non ci siano casi in famiglia non è scientificamente testato che non si possano assumere da subito le farine con glutine.

Ci siamo trovati bene con le farine di Hipp,Alce Nero e Mellin.

B di brodo

Anche per il brodo sono partita da un brodo composto da tre verdure (patata,carota,zucchina) e dopo tre giorni ho sostituito un vegetale alla volta.Il brodo è stato lo scoglio maggiore,quantità,ingredienti,conservazione.Oltre a non esserci una ricetta perfetta per il brodo penso,ognuno deve organizzarsi come meglio crede.Noi l’abbiamo preparato con la pentola,con il bimby e con la pentola a pressione.Quale soluzione preferiamo?la pentola a pressione,in 12 minuti il brodo è fatto e il consumo di gas a confronto a quello della luce fa risparmiare anche dei soldini.Per fare la scorta bisogna anche avere spazio in frigorifero,in freezer ho provato solo una volta,il nostro freezer è piccolo e sempre pieno (un giorno mi sono anche scordata di scongelare il vasetto)Con una pentola riempiamo 6 vasetti di vetro con le porzioni di brodo già pronte.

V di verdure

Le verdure utilizzate per il brodo le passiamo con il passaverdure della nonna e lo conserviamo nei vasetti degli omogenizzati.Anche qui ho provato a congelare la verdura,ma una volta scongelata era strana…molliccia!

Nel brodo inserisco sempre tre verdure  alla volta e cerco di cambiarle spesso anche per variare il gusto delle pappe.Ogni bambino reagiste in modo diverso.Ci siamo accorti che con la zucchina e il finocchio non ha problemi a fare la cacca.Spesso inserisco questi due ortaggi per sbloccare eventuali intoppi.

Una cosa molto importante che ho imparato al corso è che in caso di stitichezza va diminuita la quota di verdura e aumentata la quota fibrosa,i cereali.

Ho letto di mamme sommerse di verdure che non sanno cosa farci,per fare un brodo non ci vogliono kg di verdure,basta una carota,una zucchina,mezzo finocchio.Io non butto nulla,quelloc he non mangia Camilla lo mangio io,è capitato spesso di mangiare un piatto di pasta con le sue verdure passate.Ultimamente le sto dando le carote e le zucchien lesse (non devono essere troppo molli)da mangiare da sola,inutile dire che la parte pi divertente è schiacciarle con le manine,ma capiscono in fretta che quella cosa molliccia si mangia.

P di Proteine

Per nostra scelta non abbiamoa ncora dato carne a Camilla,no liofilizzati e no omogenizzati.Al momento ha provato,robiolaricotta,piselli,lenticchie rosse decorticate,per la quantità da assumere abbiamo una tabella con le grammature nella dispensa del corso che abbiamo frequentato.E’ molto importante non eccedere nella quota proteica.Le proteine abbiamo deciso di inserirle nel pasto del mezzogiorno.Anche perchè con la pappa serale abbiamo iniziato da poco,perchè molto spessp verso ora di cena si addormenta o non ne vuole sapere.

Per il pasto serale non ci sono regole,su quando è meglio iniziare,dipende dal bambino se mostra interesse o no.

S di soffocamento

La paura c’è,presto molta attenzione a quello che le do,ho deciso di non darle da mangiare qualsiasi cosa.Le carote ad esempio?ne parlavamo al corso..con la forza che hanno,anche senza denti potrebbero spezzare la carota e ingoiare un pezzettone.é capitato di darle una carota ma era di quelle ciccione e prima di dargliela ho fatto un prova con le mani.Fate attenzione è naturale volergli dare qualsiasi cosa..ma non tutti gli alimenti vanno bene.

Una cosa che dovrebbere fare tutti,è partecipare al corso di disostruzione pediatrica e scaricare anche il documento che spiega come tagliare frutta e verdura (questo)

M di merenda

Al momento Camilla consuma solo una merenda al pomeriggio a base di frutta.A metà mattina dorme e non la sveglio di certo per mangiare,a volte prende il mio latte.Alle 16:00 le do una mela frattuggiata o un vasetto di omogenizzato (pera,prugna mela,frutta mista) anche qui vario molto perchè la mela se pur fresca stringe.

Mi sono trovata bene con Hipp perchè il loro omogenizzato è 100% frutta senza amidi aggiunti.

 

A di acqua

L’acqua ai lattanti è un’argomento spigoloso,noi abbiamo iniziato a dare l’acqua a Camilla con l’introduzione delle pappe.Per deglutire meglio la pappa cosa totalmente nuova per loro.Abbiamo preso quei biberon con le maniglie e in poco tempo è diventata autonoma.Certo con il bicchiere ne vedremo delle belle …ma nel frattempo le facciamo usare quello.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on
Previous Post Next Post

You may also like

No Comments

Leave a Reply